architettura

Il meglio dell’architettura moderna a Roma

“Rome the Second Time” è il titolo di una nota guida turistica che offre, come da copertina, “15 itinerari che non vanno al Colosseo”. Questo post prende spunto da quel libro, offrendo panorami alternativi e moderni per restituire visitatori e turisti per la prima volta che potrebbero voler avventurarsi lontano da punti di riferimento noti.

Una parola sull’architettura del 20 ° secolo a Roma

Mentre Roma è famosa per i suoi resti antichi o per i palazzi barocchi al centro, la città non è estranea a uno stile architettonico molto più moderno. Gli edifici in stile Liberty, futuristi o modernisti abbondano qui, ma vorremmo concentrarci su esempi più evidenti come le proprietà razionaliste.

Apparso per la prima volta nel XVII secolo e fortemente ispirato alle idee di Vitruvio sul pensiero razionale applicato all’architettura, il razionalismo ebbe un grande successo in Italia negli anni ’20 e ’30. Alcuni degli architetti più noti in questo stile provengono dall’Italia. L’architettura razionalista è fortemente associata all’era fascista, e ha senso che lo sia: il regime voleva ricreare l’impero romano e costruire nuove proprietà fortemente caratterizzate dal punto di vista estetico, con caratteristiche comuni, e costruite più o meno con gli stessi materiali e il rispetto delle stesse regole faceva parte di quell’ideale.

Il distretto EUR

Il luogo più famoso di Roma per gli avvistamenti razionalisti è il distretto EUR nel sud di Roma. Inizialmente pensato come il sito per l’Esposizione Universale del 1942 , l’evento non fu mai tenuto a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale e la costruzione dell’area fu completata solo negli anni ’50 e ’60, con l’intero quartiere trasformato in un quartiere degli affari e parzialmente utilizzato per le Olimpiadi degli anni ’60. Rimarrete sbalorditi dal candore delle proprietà qui, la maggior parte delle quali viene utilizzata come spazio ufficio. Lo stile è minimale e rigoroso. Intorno all’area, facilmente raggiungibile con la metropolitana (linea B) ci sono alcuni musei interessanti e l’intero EUR offre ottime opportunità fotografiche. 

Il distretto di Foro Italico

Un complesso sportivo nel nord di Roma, molto visibile se hai mai visitato lo Stadio Olimpico per una partita o un concerto. Ora assegnato principalmente al Comitato olimpico italiano, comprende ancora numerosi impianti sportivi, alcuni dei quali utilizzati dagli studenti di educazione fisica e scienze dello sport. Nella stessa area generale è il Ministero degli Affari Esteri. È facilmente raggiungibile da una combinazione di metropolitana + autobus (dalla stazione della metropolitana Ottaviano) o metropolitana + tram (dalla stazione della metropolitana Flaminio).

Il quartiere del Villaggio Olimpico

Questo quartiere è davvero l’ex Villaggio Olimpico, costruito nel 1960 per le olimpiadi romane di quell’anno. Quando gli eventi si sono conclusi, l’intera area doveva essere smantellata, ma a grande richiesta è stata trasformata in edilizia pubblica – non più, però: gli appartamenti in questo complesso sono tra i più esclusivi di Roma, grazie alla loro vicinanza alle zone eleganti di Parioli e Flaminio, al museo MAXXI e all’hub Auditorium Parco della Musica. L’ex villaggio olimpico è a pochi passi dal Foro Italico, quindi è possibile raggiungerlo allo stesso modo (in particolare con la metropolitana + un breve tragitto in tram n. 2).

Tutto sull’architettura moderna a Roma

In questo quadro d’attenzione all’architettura moderna a Roma si inserisce Arkeytecture, frutto di un lavoro di squadra di appassionati, che vogliono dare le informazioni necessari per scoprire nuovi percorsi architettonici nelle nostre città.